Benvenuti a Velo d’Astico!

Velo d’Astico è un vivace borgo agricolo di antica e nobile origine, infeudato dal sec. XI alla potente famiglia di provenienza tedesca di cui conserva il nome. Di quell’epoca rimane, sull’alto del colle, un torrione circolare (nel 1977 trasformato in sacrario militare) appartenuto al castello, citato nei diplomi imperiali dall’anno 1000 e in piedi probabilmente ancora alla fine del ‘500. La città castellana inglobava in origine la parrocchiale di S. Martino, ricostruita nel 1773-1812 su progetto attribuito a Francesco Antonio Ziggiotti; nell’interno, al I° altare sin., Madonna col Bambino e santi di Francesco Verla.

(da “L’Italia – Veneto”, Touring Club Italiano, 2005)

Velo d’Astico

Siamo in provincia di Vicenza, alla destra del fiume Astico e del torrente Posina e alle pendici del monte Priaforà.
2.426 abitanti al 31/12/2014.

L’origine del nome è incerto: origini preromane o dal latino “villus” ossia “suolo erborso”? Ciò che è certo è che nel 1867 venne aggiunta la specifica “d’Astico” per non confonderlo con Velo Veronese.

Venirci a trovare non è così complicato: basta prendere l’autostrada Valdastico (A31) in direzione Piovene Rocchette e percorrerla fino alla fine. Una volta usciti, seguite la direzione per Trento e proseguite fino a Velo d’Astico.


Martina & Love Velo

Love Velo è il blog che parla di Velo d’Astico con informazioni su cosa visitare, dove passeggiare e cosa vedere, ma anche su persone e attività commerciali della zona.

Io sono Martina, mi sto trasferendo qui e voglio raccontarvi la curiosità con cui sto scoprendo questo luogo coccolato dalle montagne. Una storia fatta di fotografie, pensieri ed esperienze. Una storia scritta per far innamorare di Velo d’Astico chi già la conosce e chi ci capita per caso.

Nella vita mi occupo di social media marketing & digital pr come strumenti per promuovere territori, tradizioni e sapori.
Se vuoi saperne di più visita il mio sito.

Salva

Salva

Salva

Ora su Instagram

  • Respira a pieni polmoni  natura!
  • Un orizzonte che sorprende sempre
  • Quattro Antonio di cui uno Santo per una villa Oggihellip
  • Quando uomini e montagne si incontrano grandi cose accadono Williamhellip
  • Se non scali la montagna non ti potrai mai goderehellip
  • A pochi minuti da Velo dAstico c un piccolo paradisohellip